Sei qui: Home Moduli e Certificati

Moduli e Certificati - Sociale

Nuove modalità e modulistica per presentare istanza di ammissione al Bonus elettrico e gas dal 01 gennaio 2014

Per richiedere il bonus occorre compilare l'apposita modulistica e consegnarla al proprio Comune di residenza.

I moduli sono scaricabili da questa pagina o dal sito dell'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas o reperibili presso i Comuni.
A partire dal 01/01/2014 le richieste di ammissione alla compensazione per il bonus elettrico e per il bonus gas potranno essere presentate utilizzando la nuova modulistica semplificata.
Nei primi mesi del 2014 il sistema SGAte prevederà ancora l'accettazione delle domande con la modulistica in vigore fino al 31/12/2013.

pdf_logo_33 NEW - Modulo A - Disagio Economico -  NEW - Modulo B - Disagio Fisico 

-  Allegato CF - Composizione Nucleo ISEE -  Allegato D - Fac-simile Deleghe 

-  Allegato FN - Famiglia numerosa -  Modulo RS - Domanda Rinnovo Semplificata 

 Modulo VR - Variazione Residenza -  Allegato ASL - Certificato gravi condizioni di salute

 

Interventi di sostegno finanziario in favore di famiglie e lavoratori in difficoltà

Vai alla pagina

 

Fondo utenze deboli Nuove Acque

Il Comune di Subbiano informa che sono aperti i bandi pubblicati da Nuove Acque per agevolazioni sui consumi idrici anno 2017 in favore di “Utenze Deboli” e “Famiglie Numerose”. La scedenza dei bandi è fissata al 30 aprile 2017.

pdf_logo_33Avviso - Bando famiglie numerose - Bando utenze deboli - Modulistica famiglie numerose - Modulistica utenze deboli - Modulistica utenze condominiali

Il cittadino può inoltre consultare il seguente sito internet http://www.nuoveacque.it

 

Contributo eliminazione barriere architettonicha

pdf_logo_33Contributo - Modulo - Regolamento

 

Innalzamento soglia ISEE per accesso al bonus enel-bonus gas

Si informa che con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 29/12/2016 (in allegato) a partire dal 1 gennaio 2017 il valore ISEE (di cui all'articolo 2 comma 4 del Decreto Interministeriale del 28 Dicembre 2007) per l'accesso al bonus è stato aggiornato a € 8.107,5. Resta invariato il  requisito di accesso per le famiglie numerose (ISEE non superiore a € 20.000).
Il sistema SGAte è stato pertanto adeguato al nuovo requisito di accesso all'agevolazione.

pdf_logo_33Decreto ministeriale 29 dicembre 2016 

 

Bonus Sociale per l'energia elettrica a famiglie o singoli cittadini in condizioni di disagio

Dal 1^ Gennaio 2009 tutti i Cittadini italiani e stranieri residenti nel Comune di SUBBIANO potranno richiedere il “Bonus energia elettrica” presso i nostri uffici comunali.

Il “Bonus energia elettrica” è un’agevolazione introdotta dal Decreto Interministeriale (DM) 28/12/2007 con l’obiettivo di sostenere la spesa energetica delle famiglie in condizione di disagio economico, garantendo un risparmio sulla spesa annua per energia elettrica. Hanno inoltre diritto al “Bonus” tutte le famiglie presso le quali vive un soggetto in gravi condizioni di salute, costretto ad utilizzare apparecchiature domestiche elettromedicali necessarie per l’esistenza in vita. 

Hanno quindi diritto al “Bonus energetico” tutti i Cittadini intestatari di una fornitura elettrica nell’abitazione di residenza, in condizioni di:

-  disagio economico, con un valore ISEE fino a 7.500,00 euro per la generalità degli aventi diritto, e con valore ISEE fino a 20.000 € per i nuclei familiari con quattro e più figli a carico;
-  e/o disagio fisico, con uno dei componenti il nucleo familiare in gravi condizioni di salute tali da richiedere l’utilizzo delle apparecchiature elettromedicali necessarie per la loro esistenza in vita. 

Per accedere al “Bonus energetico”, i Cittadini nelle suddette condizioni possono recarsi presso gli uffici comunali e richiedere i seguenti moduli da compilare e sottoscrivere:

-   Modulo A - o A/bis (nel caso di famiglie numerose) “Istanza per l’ammissione al regime di compensazione per la fornitura di energia elettrica - Disagio Economico”;

-   e/o Modulo B - “Istanza per l’ammissione al regime di compensazione per la fornitura di energia elettrica - Disagio Fisico”. 

 In allegato all’apposita modulistica, i Cittadini dovranno presentare i seguenti documenti:

-   Attestazione ISEE valida per il 2009, in caso di disagio economico;

-   Certificazione ASL o Modulo C (“Dichiarazione sostitutiva della certificazione ASL”), in caso di disagio fisico;

-   Modulo E (“Dichiarazione sostitutiva della certificazione dei figli a carico”) in caso di disagio economico per le famiglie numerose;

-  copia del documento di identità (e, nel caso di presentazione tramite delega, del documento di riconoscimento del delegato).

Al cittadino che avrà presentato la documentazione prevista, il Comune rilascerà l’Attestazione di Presentazione della Domanda di Agevolazione, confermando che i dati saranno trasmessi al proprio Ente di Distribuzione Energetica e che l’agevolazione sarà applicata direttamente in bolletta al massimo entro 60 giorni dalla data di disponibilità della richiesta per l’impresa di distribuzione. Il Cittadino potrà verificare lo stato di avanzamento della domanda collegandosi al sito http://www.bonusenergia.anci.it (e inserendo Id Utente e Password rilasciato dal Comune nella stessa Attestazione).    

Secondo quanto stabilito dal Decreto, ogni nucleo familiare può richiedere l’agevolazione per una sola fornitura energetica. Il “Bonus” a favore delle Famiglie in condizione di disagio economico ha validità 12 mesi ed è retroattivo per il 2008 se richiesto entro il 30 Giugno 2009 (in precedenza il 30 Aprile 2009, termine prorogato dall’Autorità con la Deliberazione del 27 Aprile 2009).  

Il “Bonus” a favore delle Famiglie in condizione di disagio fisico non ha termini di validità e sarà applicato senza interruzioni fino a quando sussisterà la necessità di utilizzare apparecchiature domestiche elettromedicali. I “Bonus” per disagio economico e disagio fisico sono cumulabili qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.

Per l'anno 2009, per le situazioni di disagio economico, il valore del Bonus sarà differenziato a seconda del numero di componenti della famiglia anagrafica: 60 euro/anno per un nucleo familiare di 1-2 persone, 78 euro/anno per un nucleo di 3-4 persone, 135 euro/anno per un nucleo familiare con più di quattro persone.Il Bonus Sociale da riconoscere ai clienti che utilizzano apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita del paziente è di 150 euro/anno.Per l'anno 2010 l'importo del Bonus Sociale, sia per i casi di disagio economico che per i casi di disagio fisico, sarà quantificato in occasione dell'aggiornamento annuale delle tariffe, previsto per il prossimo mese di Dicembre 2009.

Per maggiori informazioni e assistenza sulla procedura per la presentazione della domanda di “Bonus”, si prega di contattare l’Ufficio Sociale del Comune di Subbiano.

 

Bonus gas

Si rende noto che l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha recentemente approvato la nuova delibera in materia di modalità applicative dei regimi di compensazione della spesa per la fornitura di gas naturale sostenuta dai clienti domestici economicamente svantaggiati.  

Con l’occasione si ricorda che avranno accesso al Bonus Gas (per la fornitura nell’abitazione di residenza) i clienti domestici con indicatore ISEE non superiore a 7.500 euro, nonché le famiglie numerose (4 o più figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro.   
Questi parametri economici sono gli stessi che permettono ai clienti domestici di accedere anche al bonus elettrico per disagio economico.   
Il Bonus Gas potrà essere richiesto anche da coloro che, in presenza dei requisiti ISEE e di residenza indicati, utilizzano impianti di riscaldamento condominiali, ovviamente a gas naturale.   
Infine, il valore del Bonus Gas sarà differenziato: 1) per zona climatica (in modo da tener conto delle diverse esigenze di riscaldamento, legate alle diverse condizioni climatiche); 2) per tipologia di utilizzo (solo cottura cibi e acqua calda, o solo riscaldamento, oppure cottura cibi più acqua calda e riscaldamento); 3) per numerosità delle persone residenti nella medesima abitazione.  

A partire dal 15 dicembre 2009 i Comuni saranno in grado di ricevere le domande dei cittadini. Gli accordi permetteranno, da una parte, di riconoscere a tutti i clienti, che presenteranno l'istanza entro il 30 aprile 2010, la retroattività del bonus per l’anno 2009 con pagamento del bonus relativo all’anno 2009 in un'unica soluzione attraverso lo strumento del bonifico domiciliato di Poste Italiane (invece della rateizzazione nei 12 mesi successivi alla decorrenza del riconoscimento).   Si ricorda che il bonus gas permetterà alle famiglie con situazioni di disagio economico di ottenere uno sconto del 15% circa (al netto delle imposte) sulla bolletta del gas, da applicare ai consumi del prossimo inverno, ma anche con effetto retroattivo a tutto il 2009.  

Per maggiori informazioni e assistenza sulla procedura per la presentazione della domanda di "Bonus", si prega di contattare l'Ufficio Sociale del Comune di Subbiano..

Il cittadino può inoltre consultare i seguenti siti internet, http://www.autorita.energia.it/http://www.sgate.anci.it/, oppure contattare il Numero verde attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 18.00

 

Assegno al nucleo familiare con tre figli minori

L’art. 65 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 ha introdotto, con decorrenza dal 1° gennaio 1999, un nuovo intervento di sostegno, denominato assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori, per le famiglia che hanno figli minori e che dispongono di patrimoni e redditi limitati.

REQUISITI:

- Essere cittadino italiano o comunitario residente nel territorio dello Stato (art. 80, comma 5, della legge n. 388/00);

- nucleo familiare composto almeno da un genitore e tre minori di anni 18 che siano figli propri e sui quali esercita la potestà genitoria. Ai figli minori del richiedente sono equiparati i figli del coniuge, nonché i minori ricevuti in affidamento preadottivo. Il genitore e i tre minori devono far parte della stessa famiglia anagrafica. Questo requisito non si considera soddisfatto se alcuno dei tre figli minori, quantunque risultante nella famiglia anagrafica del richiedente, sia in affidamento presso i terzi ai sensi dell’articolo 2 della legge n. 184 del 1983;

- risorse reddituali e patrimoniali del nucleo familiare non superiori a quelle previste dall’Indicatore della Situazione Economica (I.S.E.) valevole per l’assegno. Per l’anno 2005 l’Indicatore della Situazione Economica è pari a euro 21.309,43 annui per nuclei familiari con 5 componenti. Per nuclei familiari con diversa composizione o per i quali debbono applicarsi le maggiorazioni, tale somma è riparametrata secondo i criteri fissati dall’allegato A del decreto 452/2000 come modificato dal decreto 337/2001.

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza del richiedente entro il termine perentorio del 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale viene richiesto l'assegno (ad esempio, per ottenere gli assegni relativi all’anno 2005, il richiedente deve presentare la domanda entro il giorno 31/01/2006).

I requisiti devono essere posseduti dal richiedente al momento della presentazione della domanda; i soggetti che presentano la domanda nel mese di gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’assegno, devono fare riferimento ai requisiti posseduti alla data del 31 dicembre immediatamente precedente.

pdf_logo_33Informativa  pdf_logo_33Modulo domanda assegno familiare tre figli minori

 

Assegno di maternità

È un contributo statale, concesso dai Comuni alle mamme che non hanno copertura previdenziale nei primi mesi dopo la nascita di un figlio. E' possibile ottenere un assegno per ogni figlio nato, adottato o in affidamento preadottivo. Per i nati dal 1° gennaio 2012 l'importo è di € 1.623,95.

Per ottenere l'assegno di maternità è necessario:

* essere cittadina italiana, comunitaria o extracomunitaria in possesso di carta di soggiorno e risiedere nel Comune di Subbiano

* non avere trattamento previdenziale di maternità a carico dell'INPS o di altro ente previdenziale, oppure avere un'indennità di maternità inferiore all'ammontare dell'assegno di maternità. In questo caso potrà essere richiesta al Comune la differenza tra quanto già percepito e l'ammontare complessivo dell'assegno di maternità

* far parte di un nucleo familiare in possesso di risorse economiche, calcolate in base all'Indicatore della Situazione Economica (ISE), non superiori a quelle stabilite dalla legge: per l'anno 2012 non superiori a € 33.857,51 annue se il nucleo familiare è di tre persone. Il requisito ISE per l'accesso all'assegno di maternità varia a seconda del numero dei componenti il nucleo familiare.

La domanda per il contributo deve essere presentata entro 6 mesi dalla nascita del figlio.

Come e quando si otterrà l'Assegno di Maternità?

* L'assegno verrà corrisposto dall'INPS in un'unica soluzione e dovrà essere accreditato sul conto corrente bancario / postale o libretto postale corredato da codice IBAN intestato al richiedente

* L'assegno non costituisce reddito ai fini fiscali e previdenziali.

* Compilare il modulo per la presentazione della domanda (stampabile o ritirabile presso gli Uffici Relazioni con il Pubblico del Comune)

* Essere in possesso dell'attestazione ISEE e della relativa Dichiarazione Sostitutiva Unica aggiornate

* Consegnare la domanda con gli allegati ad uno degli Uffici Protocollo del Comune di Subbiano.

I documenti da allegare sono:

* Fotocopia di un documento d'identità del richiedente

* Fotocopia della Carta di Soggiorno nel caso la richiedente sia cittadina extra-comunitaria (oppure fotocopia della ricevuta dell'ASSICURATA postale con PASSWORD e USER ID di presentazione della domanda di rilascio della carta di soggiorno, fermo restando che il contributo economico potrà essere concesso solo dopo la presentazione del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo)

* Copia dell'attestazione ISEE aggiornata

* Copia della Dichiarazione Sostitutiva Unica relativa aggiornata.

Al fine di effettuare i controlli previsti ai sensi dell'art. 71 del D.P.R. n. 445 del 2000 sulle Dichiarazioni Sostitutive presentate, l'Ufficio preposto si riserva la facoltà di chiedere la documentazione necessaria.

pdf_logo_33 modulo assegno di maternità